Firewall, che cos’è e come aggirarlo.

Il firewall è un componente che può essere interno o esterno, che si occupa di filtrare la rete impedendo alle connessioni sospette e che non rispettano certe regole di passare.

Un firewall è costituito da due interfaccie di rete: una lan e una wan (internet) e serve per l’ appunto a separare una realtà sicura (lan) da una insicura come internet.

Un firewall può svolgere molte funzioni tra cui bloccare certe porte che noi non vogliamo che vengano usate.

Eccovi un elenco delle funzioni che può svolgere.

  • Bloccare certi applicativi dall’ accesso a internet
  • Nel caso si ha bisogno di gestire due wan (due adsl) il firewall può gestirle aumentando la banda.
  • Se si hanno più wan inoltre nel caso una smettesse di andare consentirebbe di rimanere connessi ridirigendo il traffico. Questa funzione è molto utile nel caso si lavori su dei server che devono essere sempre connessi.
  • In base alle regole di policy della azienda si può bloccare l’ uso di certi siti internet o categorie di siti web. Questo serve a fare in modo che la banda venga usata per scopi più importanti.
  • Il firewall non serve solo a bloccare dati dall’ esterno ma anche dall ‘interno. In caso di applicazioni illegittime che vogliano trasmettere dati, verrà mostrata una notifica per chiedere all ‘utente di confermare l’ accesso alla rete.
  • Una altra operazione è quella di scansione dei pacchetti, dove controlla in un database che può essere aggiornato giornalmente se si sta scaricando pacchetti malevoli.

Come aggirarlo

Come abbiamo detto precedente il firewall può bloccare certe porte o certi virus o altri software malevoli. Tuttavia è possibile con alcuni programmi come fpipe reindirizzare il traffico illecito di una porta in un’ altra dove il traffico è consentito. Nonostante i pacchetti siano scansionati e confrontati su un database, esistono tecniche che consentono di crittografare i virus o i programmi rendendoli irriconoscibili ai firewall e antivirus.

Ti consiglio di approfondire leggendo gli altri articoli sulla rete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *